Divulgazione

SfondoDivulgazioneLa bacinella d’acqua tra le due ale di sedie rappresenta un ostacolo ed una curiositá per il pubblico che lentamente riempie la sala. Un complice in prima fila é pronto a sfidare il divieto di fumare per accendere, ad un mio cenno, seppure per pochi secondi, una sigaretta e sbuffare platealmente -nel silenzio mio e quello attonito dei presenti- una nuvola di fumo che rivelerá la presenza di un fascio laser (da un antiquato tubo ad Elio-Neon costruito con pezzi recuperati da tante fiere dell’elettronica). Una torcia che illumina l’acqua nella bacinella proietta sul soffitto uno spettacolo di caustiche mentre la nuvola di fumo rappresenta lo strato di Sodio che rivela la presenza di un fascio laser proiettato da un grande telescopio. E’ così, a cavallo tra scienza e teatro, che mi presentavo alle conferenze pubbliche per spiegare in un modo forse divertente, forse efficace, certamente inusuale, come dovevano funzionare le ottiche dei grandi telescopi da Terra, capaci di cancellare la perniciosa turbolenza atmosferica. Tutto questo, naturalmente, prima che PowerPoint allineasse per un lungo periodo tutti quanti alla decente uniformitá degli stili MicroSoft. La militanza nel Gruppo Astrofili Polesani di cui sono Socio Fondatore ed ora Socio Onorario (un basso trucco per non pagare la quota sociale…) ed avere frequentato a lungo il Planetario Comunale di Modena, oltre che una folle ed intensissima partecipazione al Teatro del Lemming, sono stati i passi cruciali di un percorso di rigorosa volgarizzazione dei concetti che a volte facevamo fatica a spiegare ai nostri colleghi.

Naturalmente ė difficile conservare traccia di queste scorribande che al piú hanno raggiunto la cittá di MIlano in qualche occasione della Fiera di Astron. Piú facilmente fruibili sono i lavori classici di articoli -appunto di divulgazione- e qualche presentazione particolarmente ben curata.

Potete leggere i miei articoli divulgativi scegliendo dall’elenco qui sotto:

  • Coelum n.13 – Ottobre 1998 “Come funziona l’Ottica Adattiva”
  • Coelum n.20 –  Maggio 1999 “Gli specchi liquidi”
  • Coelum n.28 – Marzo 2000 “Esperimento di tomografia adattiva”
  • Coelum n.33 – Settembre 2000
  • l’Astronomia n.226 – Dicembre 2001 “50 anni (o quasi) di Ottica Adattiva”
  • le Stelle n.130 – Maggio 2014 “LE ombre di Platone”

Qui potete leggere un articolo di Franco Sabbadin (Coleum n.) riguardo la ricostruzione tridimensionale delle Nebulose Planetarie, mente qui potete vedere un articolo (Coleum n.148 – XXX 2010) sulla dualitá tra Astronomo e PIlota, entrambi a combattere (in modi differenti) la turbolenza dell’atmosfera.

Su Spaziando potete anche trovare una sorta di intervista di Leopoldo Benacchio a proposito dei sensori di fronte d’onda a piramide, mentre su Media INAF spiego come funziona il nostro sistema di correzione tridimensionale della turbolenza installato al Very Large Telescope dell’ESO, in Cile.

Qui potete trovare le slide di alcune conferenze pubbliche che mi é capitato di tenere:

  • Aperitivo Scientifico
  • The a Padova
  • Scuola Superiore di Catania
  • Liceo Scientifico di Rovigo
  • Liceo Scientifico di Rovigo

Infine la vispa teresa brucava l’erbetta.